Il patrimonio abitativo del Comune di Bauladu

La pubblicazione della graduatoria del bando comunale per il contrasto al «non finito» è occasione per fornire una panoramica sul patrimonio abitativo della comunità. 

Data di pubblicazione:
06 Febbraio 2022
Immagine non trovata

La pubblicazione della graduatoria del bando comunale per il contrasto al «non finito» è occasione per fornire una panoramica sul patrimonio abitativo della comunità. 

 

A Bauladu risultano censite 409 abitazioni. L’età media del patrimonio abitativo recente (ovvero costruito negli ultimi sessant’anni) è di 31,5 anni. La superficie media delle abitazioni è di 129,1 metri quadrati. La quota percentuale delle abitazioni occupate a titolo di proprietà è pari all’80,6%, mentre il 9,3% delle oltre quattrocento case rilevate non risulta essere utilizzato (si tratta di edifici in costruzione oppure decadenti oppure senza le utenze primarie allacciate). 

 

Nel territorio comunale sono presenti oltre 12 mila metri quadrati di manufatti in amianto. Di questi, 2/3 si trovano nell’abitato e 1/3 nelle campagne. Mediante le prime due annualità del progetto comunale «amianto zero» è stata finanziata la bonifica o lo smaltimento di circa 3 mila metri quadrati di amianto. 

 

Le domande ricevute per il bando per la concessione di contributi a fondo perduto per interventi di valorizzazione e recupero di immobili ubicati nel paese sono state 18. Di queste, 15 sono state finanziate, per un importo complessivo di 176.250,97 euro provenienti dal bilancio comunale (erano stati stanziati 234.000,00 euro). L’iniziativa prevede l’erogazione di risorse nella misura dell’80% delle spese ammissibili, entro un massimale di 15.000,00 euro per immobile, per interventi di valorizzazione e recupero dei prospetti esterni delle abitazioni. 

 

L’iter del bando per il contrasto al «non finito» è durato oltre 14 mesi. Il primo passaggio è stato l’approvazione del regolamento nel mese di ottobre del 2020, quindi la pubblicazione del bando nel dicembre del 2020, la chiusura dei termini di presentazione delle domande ad aprile del 2021, il rimpinguamento del capitolo di bilancio dedicato nel mese di giugno del 2021 e la pubblicazione della graduatoria definitiva a dicembre del 2021. I beneficiari del contributo hanno sei mesi di tempo dalla notifica di concessione del contributo per presentare la pratica edilizia di inizio dei lavori. 

Ultimo aggiornamento

Domenica 06 Febbraio 2022